Il raccordo con il CIPE

IL RACCORDO CON IL CIPE

Il nuovo regolamento del CIPE, adottato con delibera n.63/98 del 9 luglio 1998, in attuazione del decreto legislativo 5 dicembre 1997, n.430 nel disciplinare la composizione del Comitato, ha previsto la partecipazione del Ministro per gli affari regionali in qualità di presidente della Conferenza Stato-Regioni.

Inoltre, su parere della Conferenza Stato-Regioni è stata introdotta la partecipazione dei rappresentanti delle Regioni. Con la menzionata delibera sono state istituite 6 Commissioni di supporto per aree di materie, composte da Sottosegretari delle Amministrazioni interessate, con lo scopo di svolgere, in via ordinaria, l’istruttoria delle decisioni che il CIPE dovrà assumere.

L’attività delle Commissioni si conclude con proposte formali che, se favorevolmente esaminate nel corso della riunione preliminare del CIPE (composta dai Sottosegretari delle Amministrazioni competenti e, per quanto riguarda il Ministero degli Affari regionali, dal Capo di Gabinetto del Ministro art. 3), sono adottate dal Comitato medesimo.

Quest’ultimo approva gli argomenti compiutamente istruiti ed esamina quelli di maggiore complessità e rilevanza (art. 4). La Segreteria assicura l’istruttoria dei provvedimenti sottoposti all’esame delle Commissioni, del preCIPE e del CIPE medesimo in modo da consentire la partecipazione della Conferenza Stato-Regioni all’elaborazione delle proposte di delibera sin dalla fase iniziale, così come espressamente previsto dal d.lgvo n.430/97.